Council of Venice

From Wikipedia, the free encyclopedia
Jump to: navigation, search

The concilio di Veneto or sinodo a Venezia 1550 was a meeting in Venice of the anabaptist radicals of Northern Italy.

It had been preceded by the antitrinitarian Collegia Vicentina (Lat. Vicenza colloquia) in Vicenza in which Lelio Sozzini took a leading role in 1546.[1][2]

In late 1549 or early 1550 Anabaptists began to assemble again in Vicenza.[3]

In September 1550 Sixty Anabaptist leaders, including 20 or 30 exiles from Switzerland, assembled in Venice.[4]

Under the impetus of two followers of Servetus, "Camillo Renato" (Paolo Ricci) and a "Tiziano" (possibly Lorenzo Tizzano)[5] the synod agreed on a set of anti-Trinitarian prin­ciples.[6][7]

The exact attendance list is unknown, since the conclusions were published anonymously, but various significant figures were likely to have been among the sixty. Among the names suggested is Celio Secondo Curione.

References[edit]

  1. ^ Philip Knijff, Sibbe Jan Visser, Piet Visser, 2004, Bibliographia Sociniana: a bibliographical reference tool for the Study of Dutch Socinianism and Antitrinitarianism, p.11
  2. ^ Earl Morse Wilbur, 1952, A history of Unitarianism, Volume 1, p. 81
  3. ^ Delio Cantimori Eretici italiani del cinquecento: ricerche storiche 1939 "e Pochi anni dopo (fine del 1549 o inizio del 1550) Vicenza fu teatro di un'altra adunanza di ... I punti d'accordo furono ad ogni modo : il battesimo vale solo per coloro che già credono; non può darsi magistrato cristiano, né principe cristiano, perché magistrati e principi usano la forza; i Sacramenti, semplici segni; la Chiesa Romana, totalmente diabolica. Non si potè venire ad un accordo sui problemi della Trinità e della natura di Cristo;"
  4. ^ Cantimori: "si convocò un vero e proprio «concilio» anabattistico, che avrebbe dovuto risolvere la questione della divinità di Cristo e del modo d'intendere la Trinità. Il concilio fu convocato a Venezia; ogni comunità avrebbe mandato due dei suoi anziani a rappresentarla." .. Il concilio di Venezia mostra infatti che la maggioranza dei suoi partecipanti riteneva Cristo soltanto uomo, se pur ripieno di tutte le virtù di Dio; per quegli eretici non v'era altra natura che la umana, oltre quella divina;
  5. ^ Tiziano
  6. ^ Comba, E. "Un sinodo anabattista a Venezia anno 1550." Rivista cristiana 13 (1885): 21-24, 83-87.
  7. ^ Roberto De Mattei A sinistra di Lutero: sette e movimenti religiosi nell'Europa del '500 1999 "Il gruppo manifestò la sua consistenza nel sinodo di Venezia del settembre 1550, una specie di concilio che rappresenta ... Aveva partecipato al concilio di Venezia e aveva quindi percorso come "ministro" l'Italia centro-settentrionale,"