Alberto Caramella

From Wikipedia, the free encyclopedia
Jump to: navigation, search

Alberto Caramella (1928–2007) spent all his life in Florence. He was an Italian poet. His first poetical works were published in 1995 after a successful career as a lawyer. In 1997 he founded the "Fondazione il Fiore" in Florence, with the aim to promote Italian and international poetry.

Bibliography[edit]

  • Mille scuse per esistere, Florence: Le Lettere, 1995
  • I viaggi del Nautilus, Florence: Le Lettere, 1997
  • Lunares murales, Florence: Le Lettere, 1999
  • Il soggetto è il mare (il libro dei nodi), Varese: Edizioni Stampa, 2000
  • Interrogazione di poesia, Milan: Crocetti, 2000
  • Cartella di vacanza (sur le Lac Léman), Florence: Edizioni Polistampa, 2000
  • Festa di Vivere i Mostri del Moto, Florence: Edizioni Artichaut, 2001
  • Poesie, a cura di C. Mariotti, Firenze, Polistampa, 2003
  • Pulizia, o del percezionismo, Florence: Passigli Editore, 2004
  • Il Libro Liberato, Florence: Passigli Editore, 2005.

Studies about Caramella's poetry[edit]

  • E. Giachery-N. Paolini Giachery, "Pas de deux": per la poesia di Alberto Caramella, Roma, Vecchiarelli, 2000
  • Il frale nerbo: per Alberto Caramella. Atti della giornata di studi Bologna 5 ottobre 2001, a cura di F. Sberlati, Roma, Bulzoni, 2002 (contributi di F. Sberlati, A. Noferi, E. Giachery, A. Oldcorn, J.-Ch. Vegliante, M. Cucchi, L. Tassoni)
  • G. Occhipinti, La voce della poesia, Panzano, Edizioni Feeria, 2004
  • A. Guastella, Alberto Caramella poeta egizio & lunare in Studi cattolici, Luglio/Agosto 1999, pp. 530–33.
  • Alberto Caramella. La tensione e il sogno, intervista di I. Boni in Galatea, Luglio/Agosto 1998, pp. 54–61
  • Alberto Caramella, intervista di S. Gros-Pietro in Vernice, a. VII n. 19-20, pp. 6–20.
  • C. Mariotti, Sulla scrittura aforistica di Alberto Caramella, in Caffè Michelangiolo, a. X n. 3, Settembre-Dicembre 2005, pp. 81–83.
  • C. Mariotti, Sullo straripante amore di Alberto Caramella, in Feeria, a. XIV n. 29, Giugno 2006, pp. 54–58.

External links[edit]