Eros e Priapo

From Wikipedia, the free encyclopedia
Jump to: navigation, search

Eros e Priapo: da furore a cenere is a 1945 satiric pamphlet by Italian author Carlo Emilio Gadda.

Uncensored edition[edit]

An excerpt comparison. The 1967 censored version is shown on the left, the 1945 original uncensored version on the right.

1967 censored version
1945 original uncensored version
pp.26-7 manuscript page
  Questo qui, Madonna bona!, non avea manco finito di imparucchiare quattro sue scolastiche certezze, che son qua mè, a fò tutt mè a fò tutt mè.   ?
Venuto dalla più sciapita semplicità, parolaio da raduno communitosi del piu misero bagaglio di frasi fatte, tolse ecco a discendere secondo fiume dietro al numero: a sbraitare, a minacciare i fochi ne' pagliai, a concitare ed esagitare le genti: e pervenne infine, dopo le sovvenzioni del capitale e dopo una carriera da spergiuro, a depositare in catedra il suo deretano di Pirgopolinice smargiasso, addoppiato di pallore giacomo-giacomo, cioe sulla cadrega di Presidente del Conziglio. [...] + Venuto a panca in piazza a Forlimpopolo, dalla piu sciapita cafonaggine maccherone furioso, parolaio e istrione da popolo communitosi del più misero bagaglio di frasi fatte, datosi a paravolar di cazzo e a burattinare come un cazzo davantile genti, tolse ecco a discendere secondo fiume dietro il numero: a sbraitare, a minacciare i fochi ne' pagliai, a concitare ed esagitare le genti: e pervenne infine, dopo 'l facile introito giornalistico e dopo una carriera da Giuda , a depositare in catedra il suo deretano di Paflagone smargiasso, addoppiato di Scacazzone giacomo-giacomo, cioe sulla cadrega di Presidente del Conziglio [...]

Style and sources[edit]

The work framework is an archaic-style prose drawn from the Florentine dialect of Machiavelli, interpolated with the modern vernacular of the Tuscan language, and in a few cases, of modern Lombard language and Romanesco dialect.[1][2][3][4] Gadda said that this parallels what Machiavelli himself did with Tacitus, whose structure he interpolated with jargon from his time.[5] Another source of archaic Florentine expressions is Benvenuto Cellini.[6]

For the satiric attack, the main influences are the Book of Revelation, for its caricatures against Cesar and Rome, and D'Annunzio's Maia - Laus vitae.[5]

Related works[edit]

Some of Gadda's fables present related scatological elements. They are the 111th, 129th, 132nd, 134th, 137th, 138th, 147th and 184th fables of the antifascist cycle.[7]

See also[edit]

Notes and references[edit]

  1. ^ [1]
  2. ^ Gadda letter to Arnoldo Mondadori, 25 novembre ’45, quotation:

    In gran parte il testo risulta di una prosa arcaicheggiante di tipo toscano-cinquecentesco, con interpolazioni dialettali varie: (romanesco, lombardo).

  3. ^ [2]
  4. ^ [3] p.16
  5. ^ a b Gadda 1946 Letter, quotation:

    Soprattutto io sono stato influenzato dall’Apocalisse detta Giovannea che, in parte, è costruita su feroci motivi caricaturali anticesarei e antiromani. Inoltre ha agito (lo vedo ora) una reminiscenza inconscia del D’Annunzio di “Laus vitae”, il primo libro delle “Laudi” [...] Stilisticamente, l’impalcatura di fondo la devo un po’ (se ci son riuscito) al Machiavelli: ma venato di popolarismi toscani d’oggi, e di qualche raro guizzo romanesco o lombardo. Si tratta di una contaminazione, leggermente caricaturale anche nel contesto e leggermente parodistica: suggeritami appunto dal Machiavelli, il quale su un liccio tacitiano trapunge scappatelle toscane e fiorentine de’ suoi giorni e sue. Lui “naturalmente”; io ad arte

  6. ^ [4]
  7. ^ Giorgio Pinotti Eros e Priapo

Further reading[edit]

External links[edit]